News

Contenuti Multimediali
Lunedì 07 Giugno 2010
Presto on-line contenuti multimediali sulla lavorazione dell'olio extravergine d'oliva. Scopri la qualità del nostro olio!
Sezione e-commerce
Venerdì 04 Giugno 2010
Stiamo realizzando la sezione e-commerce all'interno della quale potrete acquistare i nostri prodotti in tutta sicurezza e trasparenza.
Nuovi Contenuti
Mercoledì 02 Giugno 2010
Inseriti nel sito nuovi contenuti piu' ampi e ricchi di informazioni sul nostro olio extravergine, sulla nostra terra e lavorazione.
On line il nuovo sito
Lunedì 31 Maggio 2010
On-line la nuova interfaccia grafica del sito frantoiopalmadori.com, nuove funzioni e presto avremo anche la sezione e-commerce.

Vetrina Prodotti

CESI di TERNI

 

Cesi nel suo insieme territoriale appartiene alle propaggini meridionali dei Monti Martani, la catena dei Monti Martani si staglia come un’isola tra la conca Ternana, la valle Spoletina e la valle del Tevere, cio’ che costituiva tra il Pliocene ed inizi del Pleistocene il lago Tiberino.

I Monti Martani con la loro posizione nel percorso di crinale appenninico, che riveste uno dei principali siti usati nei primi spostamenti umani lungo la penisola, proprio queste caratteristiche hanno favorito sin dalla preistoria la presenza umana,come si evince dai pochi ma significativi rinvenimenti nella fascia pedimontana, risalenti all’età del bronzo ed attribuibili ad una frequentazione periodica o stagionale.



Con l’età del Ferro questa zona vide definitivo l’organizzazione abitativa stanziale. Significativi in questo contesto i siti di S.Erasmo, per dimensione e sviluppo assumono caratteristiche di tipo protourbano. L’abitato di S.Erasmo si sviluppa sulla sommita’ pianeggiante di uno sperone roccioso che si prolunga nella Rocchetta di Cesi, dell’impianto originale rimangono pochissime tracce in alcuni tagli nella roccia sul lato sudorientale.
Il sito attualmente visibile è databile all’incirca al V sec. a.c. circondato da una potente cinta muraria in opera poligonale con blocchi calcarei, delimitando un’area di circa 7000 mq.

All’interno della cinta, i resti visibili non sono numerosi, l’elemento più notevole è un grande basamento rettangolare, altri resti sono un pozzo circolare presso la chiesa romanica e resti di strutture di eta’ romana tra cui una cisterna.
La mancanza di scavi impedisce di conoscere l’organizzazione dello spazio interno abitato,la tecnica edilizia piuttosto arcaica ci porta ad ipotizzare una datazione al VI-V sec. a.c. Il centro è identificabile con Clusiulum, ricordato da Plinio il Vecchio tra le città scomparse degli Umbri, ebbe grande importanza nel sistema difensivo Umbro al momento della penetrazione romana nell’Italia centrale,cui tappe principali possono essere considerate la conquista di Nequinium con conseguente fondazione della colonia di Narnia nel 299 a.c.



Poco distante dal sito di S.Erasmo, in sommità del Monte, si erge Monte Torre Maggiore,conosciuta anche come Monte Peracle o Ara Maior,vi sono i resti di un grande santuario,la cui esplorazione è ancora tutt’ora in corso da parte della Sovrintendenza Archeologica per l’Umbria. Il luogo di culto,come dimostrano i materiali votivi rinvenuti, si sviluppò intorno al VI sec.a.c. le testimonianze piu’ significative del luogo come culto primitivo sono rappresentate dai materiali che componevano la stirpe votiva, bronzetti schematici a figura umana per lo piu’ maschile anche se non mancano figure femminili.

Il carattere guerriero di questo tipo di societaà è esplicabile dagli stessi bronzetti e d’altra parte ciò appare logico perchè in genere l’attività pastorale si accompagnava a quella guerresca.
Lo stesso santuario mantiene queste caratteristiche fino a che sopravvisse il tipo di società che lo aveva espresso,quando essa entrò in crisi per l’avvento di Roma nei territori, perdono di significato, perciò gradualmente il sito viene abbandonato, per privilegiare i centri più vicini all’asse viario rappresentato dalla via Flaminia.

A questa fase possono attribuirsi i due terrazzamenti in opera poligonale di IV maniera nella località Pittura e S.Onofrio, attribuibili ad impianti agricoli di età medio-repubblicana. L’Ara di Torre Maggiore fu usata sino al II-III sec. d.c. Torre Maggiore rappresentò sicuramente sin dalla sua fondazione un punto di riferimento per le popolazioni della zona, per le comunità pastorali preromane, poi di quelle di Carsulae, da cui una strada detta del Carro sale a Monte Torre Maggiore e forse anche a Spoleto. La fase di abbandono corrisponde a quella dell’arrivo del Cristianesimo, quando lo stesso impianto non ha più ragione di esistere.